Per ipovisione si intende generalmente un grado di minorazione irreversibile della funzione visiva causato da alterazioni patologiche e degenerative degli occhi,quali:retinopatia diabetica,retinopatia pigmentosa periferica,degenerazione maculare e glaucoma.

ipovisione1

La funzione visiva puo’ essere alterata in diversi modi a seconda del tipo di patologia.In alcune forme e’ compromessa la visione centrale (centro della retina),che serve al riconoscimento dei dettagli.In questi casi diventa impossibile per il soggetto ipovedente leggere libri,giornali o effettuare piccoli lavori da vicino e anche osservare particolari o dettagli a distanza diventa pressoche’ impossibile.

Gli ausili visivi possono contribuire a migliorare il residuo visivo di una persona ipovedente.Ogni singolo caso va valutato attraverso una accurata diagnosi,in modo da stabilire quale sia l’ausilio piu’ indicato e successivamente l’adattamento e la riabilitazione serviranno al paziente per imparare come utilizzare l’ausilio stesso ed adattarsi al nuovo sistema di visione.

Gli ausili,infatti,sono sistemi che creano un’immagine ingrandita modificando le distanze d’uso e la postura normalizzando un certo grado di visione e di conseguenza,migliorare la qualita’ della vita.

L’Ottica Cenisio,convenzionata ASl per gli aventi diritto e iscritta al Ministero della Salute,mette a disposizione dei soggetti ipovedenti un reparto attrezzato per la scelta,l’approntamento,la riabilitazione e l’assistenza di ausili visivi ingrandenti:

  • Videoingranditori
  • Sistemi ottici aplanatici per vicino
  • Sistemi ipercorretivi prismatici per vicino
  • Sistemi ottici galileiani e kepleriani per lontano
  • Filtri medicali a nanometri controllati
  • Ausili posturali (scrivanie ergonomiche,sedie ergonomiche,sistemi illuminotecnici,leggii)
  • Ausili informatici (software ingrandenti)
ipovision2

Membro dell’Accademia Italiana Optometristi Contattologi

logoaiocweb

e

dell’Associazione Italiana Ottici

aio